martedì 2 aprile 2013

Siamo tutti servi della gleba


La settimana scorsa io e Nero abbiamo accettato l’invito del suo amico L. per una partitella a bowling.

Premessa: io ho un’adorazione per L., lo confesso. Saranno quei suoi modi retrò da bravo ragazzo, il fatto che mi ricorda Mike Patton da giovane (sempre siano lodati i Faith no More!), l’averlo visto col cuore in frantumi dopo la fine di una storia importante…Fatto sta che L. è in cima al ranking di gradimento degli amici di Nero.
Se non avessi un minimo di rispetto per la mia e per la sua dignità, starei sempre a dargli buffetti sulle guance, a mo’ di zia rompiballe.

“In quanti siamo stasera?” chiedo a Nero mentre mi preparo per uscire.
Nero: “Io, te, L. e una sua amica”
“…amica? Da quando L. ha la morosa?”  Faccio io stupita
“Non è la sua morosa, lei ha già il ragazzo ma sono in pausa…sono amici”.
Che ragazzo fantastico, mi sono detta. Ho anche pensato che se il tuo ragazzo ti tratta di schifo e hai la fortuna di avere un amico bellobuonoebravo come L., allora dovresti barattare il tuo ragazzo con l’amico.

Stretta di mano, presentazioni e classiche domande per rompere il ghiaccio e farla sentire parte del gruppo.

Mi sono bastati pochi minuti per capire.
Perché – parliamoci chiaro – tutti, almeno una volta nella vita, siamo stati servi della gleba.
Tutti ci siamo buttati a pesce nel fiume dell’amicizia con la speranza che questo confluisse nello sconfinato mare dell’amore.
Peccato che nella mia personalissima esperienza, e in quella delle persone a me immediatamente vicine, nella maggior parte dei casi si finisce nella pozzanghera del “per me sei come una sorella/fratello” (solo i più “fortunati” passano allo status di “schiavi sessuali”).

Ci siamo tutti improvvisati contadini e abbiamo curato con amore e dedizione un orticello oramai arido, nell’attesa di goderne i succosi frutti (coi quali merli e pernici hanno lautamente banchettato al nostro posto)

Guardando L. armeggiare tra palle e birilli, ho capito che era fatta, che lui era già un naufrago disperso in balia di una tempesta d’amor-ormonale, che ci stava già sperando.

Gente, l’abbiamo perso.

…e io francamente un po’ ci spero che lui torni vincitore da questa missione.


10 commenti:

  1. Una serata molto Lebowski ... dai, qualche speranza c'è ;)

    RispondiElimina
  2. Ciao sono nuova qui, mi iscrivo con molto piacere! Se ti va, ti aspetto da me! ciaoo :)

    RispondiElimina
  3. E lo speriamo anche noi.. :)

    RispondiElimina
  4. Ecco, adesso mi sono immedesimata, tifiamo per lui :)

    RispondiElimina
  5. :D lo siamo stati tutti, e qualcuno più di una volta. Sono per il riscatto del servo della gleba! Com'è finita?

    RispondiElimina
  6. Da quello che so dice di aver messo in chiaro le cose...ma rimane un'adorabile cavalier servente!

    RispondiElimina

Il tuo commento è importante e fa crescere il blog.
Di la tua, fammi sapere che ne pensi ;-)
Ora che ho tolto il test di verifica è anche più semplice!